Strauss Una notte a Venezia

Personaggi e Interpreti:
Herzog Duca di Urbino Roberto Ferrari Melega Annina Anna Flores Caramello Barbiere del Duca Emiliano Tozzi Pappacoda Tiziano Alberghini Ciboletta Alessandra Benedetti Barbara, moglie del senatore Delacqua Tiziana Andreoli Enrico Piselli Manfredo Meneghetti Agricola Moglie di Silviuccio Andrea Laurenti Costanza Moglie di Romanuccio Rita Belenghi Bartolomeo Delacqua - Senator Francesco Alfieri Romanuccio Barbuccio – Senator Fabrizio Bergamini Silviuccio Testaccio – Senator Cristian Venturi Centurio, Peppino Luciano Bianchi Ballerini solisti Lia Buratto, Matteo Fini Direttore Aldo Salvagno Maestro del Coro Pier Luigi Piazzi Coro Scena Musicale Regia Roberto Ferrari Melega
...la serata non può essere che positiva; dal bravissimo Tiziano Alberghini, nel ruolo di Pappacoda, esilarante in scena, e dotato di una bellissima voce baritonale, la sua esecuzione è risultata misurata ed intelligente, al suo fianco Alessandra Benedetti in Ciboletta, soprano in continua crescita che ha ricevuto ovazioni prolungate e richieste di bis, al termine di "Voci di Primavera", nella versione cantata, Caramello è stato Emiliano Tozzi, che ha dimostrato una buona maturità tecnica e vocale nel sostenere un ruolo così impegnativo, deve curare un po’ di più l’aspetto scenico per non perdersi in atteggiamenti troppo caricati e stucchevoli. I panni di Annina, erano vestiti da Anna Flores, con maestria e professionalità: è stata frizzante e briosa, dimostrando che ancora una volta capacità da primadonna sia vocalmente che scenicamente, il Duca di Urbino è stato interpretato dal tenore Roberto Ferrari Melega il quale con una disinvoltura unica, ha aperto il secondo atto cantando sdraiato seminudo in una vasca da bagno coperto solo di schiuma, dimostrando una verve e una simpatia uniche, e che la sua possanza fisica non è certamente quella di un atleta da olimpiadi, ma la sua voglia di divertirsi e di divertire ha contagiato tutti gli ascoltatori a tal punto da ammaliare e farsi apprezzare non solo per la sua bella voce. Bravi, Barbara interpretata Tiziana Andreoli, e Andrea Laurenti, basso impegnato nel ruolo en travesti di Agricola, Luciano Bianchi nei ruoli di Centurio e Peppino, Cristian Venturi e Fabrizio Bergamini nei ruoli dei senatori. A Enrico Piselli ha dato voce Manfredo Meneghetti, giovanissimo tenore di belle speranze, vedremo se nel tempo riuscirà a trovare più sicurezza e controllo vocale. Il Delacqua di Francesco Alfieri è stato spettacolare, l’artista è dotato di una comicità misurata espressa con una naturalezza ineccepibile. Una nota di merito ai ballerini classici Lia Buratto e Matteo Fini, splendidi, eleganti, perfetti....Bravo il Coro diretto da Pier Luigi Piazzi come belle le scene di Veronica Boccolari e i costumi di Scena Musicale. La regia è stata curata egregiamente da Roberto Ferrari, dando allo spettacolo fluidità, leggerezza